BIOGRAFIA

Nato a Tunisi alla fine d’ottobre del 1956 (nato prematuro e gemello). Anche i suoi genitori, così come i suoi nonni paterni (d’origine siciliana), sono nati a Tunisi, mentre i nonni materni sono nati in Sicilia, esattamente a Messina e Trapani.

Costretti nel marzo 1962, dopo l’indipendenza della Tunisia, a lasciarla per rimpatriare in Italia come profughi.

Da li. ha inizio un lungo pellegrinaggio lungo tutta la penisola che lo condurrà e in fine Liguria. Nel 1962 lascia la sua terra natia, passando da: Napoli; Roma Centocelle; Ostia e Marciana Marina (isola d’Elba)  arriva infine a Vallecrosia.

Nel 1973 è ricoverato al Gaslini di Genova per una nefrosi. Lunghi mesi di cura a base di cortisone con tutte le conseguenze che ne conseguono degli effetti secondari di quest’ultimo.

Gli anni successivi li vive nel Principato di Monaco dove si sono  trasferiti i suoi genitori, nel 1974 viene ricoverato a Marsiglia per i suoi problemi di salute all’ospedale  “La Timone”.

Malgrado la sua indole creativa, consegue il diploma in ragioneria nel Principato di Monaco nel 1976, continuando a coltivare la passione per la pittura, la musica e la letteratura poetica (che egli predilige).

Lavora in uffici di contabilità in diverse società, tra le quali Office Marittime Monegasque; Le Consortium Monegasque de Parfumerie (che confluirà inseguito all’Unilever) dove comincia il suo interesse per l’informatica, ed in questo contesto prenderà lezioni di programmazione presso l’IBM di Nizza.

Nel 1982 torna a vivere in Italia esattamente a Ventimiglia con la compagna che sposerà otto anni dopo. Compone poesie amatoriali dai primi anni ottanta, mantenendole comunque gelosamente chiuse in un cassetto e riservandole a pochi e fidati amici e parenti.

Di carattere socievole e gioviale, attraverso la scrittura trasforma in versi una certa sua innata malinconia.

Nel 2oo1, dopo una dolorosa separazione dalla sua prima moglie, decide di divulgare la sua opera attraverso il web, partecipando a due diversi  laboratori di poesia amatoriale e libero pensiero: 1° “Net Poets Society” ed al laboratorio libero e interattivo di scrittura creativa 2° “ScritturaFresca”.

Per scelta ha sempre evitato concorsi e premi ma nel 2001, spinto da i suoi amici, decide di cambiare rotta. La sua poesia “Gli angeli” consegue il 9° posto al primo concorso a cui partecipa, da allora una rutilante coppa, simile a quelle dei concorsi di bocce, campeggia su uno scaffale.

Alcune sue poesie: “Muri”, “Il deserto” sono state pubblicate nelle antologie “Poesie del nuovo millennio” della Aletti editore.

Si risposa nel 2006, e va a vivere in Toscana a Follonica (GR). Nel 2007 ha un gravissimo insulto cerebrale, viene ricoverato e operato alle Scotte di Siena, dove gli appongono una DVP (Derivazione Ventricolo Peritoneale), dopo di che seguono 6/7 lunghi anni di riabilitazione fisica e mentale, il primo Luglio 2013 crea il suo blog “La Fenice inattesa – il risveglio poetico”. La sua riabilitazione può considerarsi ormai completata.

Nel 2013 la casa editrice “Pagine” inserisce sette sue composizioni in un’antologia della poesia contemporanea, presentata al Salone del Libro di Torino. La stessa casa editrice inserisce alcune sue opere (13) nel 2014 e (13) nel 2015.
La stessa casa editrice inserisce sue opere (13) nel 2014 e (13) nel 2015. Sempre con la stessa casa editrice ha pubblicato nel 2013 una prima raccolta intitolata “Il tempo dopo il tempo”, ed in seguito nel 2015 una seconda raccolta intitolata “Il tempo, lo spazio, il silenzio”.  Successivamente pubblica la raccolta “Anche l’acciaio, in fondo, è un metallo morbido”.

In auto pubblicazione le raccolte: “La fenice inattesa“; “La fenice inattesa 2.0“; “La felicità“; “La felicità 2.0“; “La serentà“; “La coincidenza“; “Poeta a sua insaputa“; “Folle umanità“; “La poesia e la lama“, “Il profugo viandante” “La poesia è un cammino” in corso di lavorazione.

Ho scritto la mia autobiografia intitolata “La capra sul balcone” edita dalla casa editrice Effigi s.r.l. di Arcidosso. Sto scrivendo un secondo racconto dal titolo “I disorientati”.

BIOGRAFIA